Osaka

osaka Città del Giappone, posta nella zona meridionale dell’isola di Honshu; capoluogo della prefettura urbana omonima, è situata sulla baia di Osaka, alla foce del fiume Yodo, presso Kyoto.
Grazie al progressivo assorbimento delle aree periferiche, è diventata una delle maggiori città del paese, sia per superficie, sia per numero di abitanti, e forma un unico agglomerato urbano insieme alla vicina Kobe. È inoltre uno dei porti più attivi, in grado di accogliere transatlantici, e scalo aereo nazionale e internazionale di primaria importanza. Osaka detiene un
ruolo di spicco nella finanza, nel commercio e nell’industria, che produce soprattutto acciaio, macchinari, tessuti, navi, autoveicoli, apparecchiature elettriche e cemento. Percorsa da numerosi canali e ricca di parchi, ospita diversi edifici religiosi antichi musei d’arte e di storia, ed è sede di alcuni importanti atenei.
D’ignota origine, la città era nota nel IV secolo come Naniwa. Per molto tempo residenza imperiale, crebbe d’importanza divenendo un fiorente centro mercantile a partire dal 1583, quando Toyotomi Hideyoshi la rese capitale del suo feudo e vi edificò il castello. Apertasi al commercio con l’estero nel 1868, fu eretta a città autonoma nel 1889 e due anni dopo fu colpita da un terremoto in cui morirono circa 10.000 persone. Durante il secondo conflitto mondiale venne gravemente danneggiata dai bombardamenti degli Alleati.

Abitanti: 2.471.100.